Seleziona una pagina

Queste le parole usate dal consigliere Scorcelli (eletto con il PD e ora sostenitore di Bravi Antonio della lista Fiordomo) verso il consigliere PD Frapiccini, durante l’ultimo consiglio comunale:

“… poi i ricatti, i ricatti per le nomine Astea te li sei scordati oppure no? Prendere o lasciare…” e ancora “… siamo stati il partito che ha portato a votare per un congresso regionale 400 persone, siamo stati secondi dopo Ancona, c’era una fila lungo le vie del centro che non si sapeva cos’era successo! Si votava per il partito Democratico, per le TESSERE COMPRATE! Questa è la verità! Non avete avuto manco il coraggio di dirlo!”

Consigliere Scorcelli le facciamo un appello, spieghi pubblicamente le sue parole:

  • ha ammesso che le nomine a ruoli di potere più o meno prestigiosi, sono state frutto di scambi politici e non si basano sulla reale competenza del nominato?
  • Ha ammesso che, pur di ben figurare tra i comuni più attivi per il proprio partito, si è disposti a comprare tessere elettorali per far votare persone ignare o compiacenti?

In questo momento storico e politico così importante per la nostra comunità, le sue parole ci lasciano interdetti e molto preoccupati.

Parlare di ricatti per le nomine di Astea e di compravendita delle tessere elettorali non sono chiacchiere da bar, non sono argomentazioni pretestuose per screditare un avversario politico. Le sue parole sono vere e proprie accuse che pesano come macigni sul partito che fino a un mese fa lei rappresentava e che per decenni ha appoggiato e difeso incondizionatamente. O vuol farci credere che il malaffare, le compravendite di tessere e voti, le nomine fatte ad amici in cambio di chissà che cosa sono solo una recente usanza del Pd e dei suoi rappresentanti politici?

I ricatti e le compravendite ve li siete rinfacciati tra di voi in un contesto ufficiale come il Consiglio Comunale. Tutto è stato detto, filmato e verbalizzato!

Le nostre parole spese negli ultimi cinque anni a contestare il diffuso malcostume della politica recanatese di affidare i lavori sempre ai soliti costruttori, di finanziare enti o associazioni e cooperative vicine al politico di turno, di concedere mance elettorali pur di mantenere la poltrona, di creare liste civiche ad hoc per conquistare i voti di parenti o amici dei candidati, con il tempo si sono rivelate veritiere, senza più ombra di dubbio.

Questa volta però ci avete pensato da soli, avete lavato i panni sporchi nel lavatoio pubblico e sono venute fuori solo alcune delle verità con cui avete governato Recanati negli ultimi 10 anni. Ma non potete parlare più di tanto perché finché c’era da banchettare eravate tutti seduti allo stesso tavolo ed il conto alla fine lo dovrete pagare insieme.

Per non parlare poi di poltrone contese e agognate, vedi Astea, Centro Marche Acque, Cosmari e a quante altre il comune può accedere. Questa è la torta da dividere, di cui tutti vogliono una fetta, ma a cui i veri competenti, malauguratamente per loro, non possono accedere perchè fuori dalla politica e perchè non fanno parte dell’osceno sodalizio politico che vede tutti ugualmente ammanicati: destra, sinistra, centro, partiti diversi ma con sempre le stesse facce da 30 anni che fanno il buono e il cattivo tempo nella nostra cittadina.

Dopo queste sue gravissime accuse prendiamo ancora più consapevolezza di quanto importante sia il nostro ruolo di Movimento di cambiamento, fatto da persone con le mani libere che non devono nulla a nessuno e ci auguriamo che se ne rendano conto anche i cittadini recanatesi.

Crediamo ancora di più nella necessità per Recanati di essere amministrata con vera trasparenza, con quella correttezza e lealtà che le brave persone si meritano e si aspettano. Noi non promettiamo posti di lavoro, né nomine, nè poltrone né favori ma siamo pronti a garantire la piena e totale equità e giustizia sociale che solo le menti libere da compromessi ed inciuci possono comprendere e che siamo certi siano la maggioranza di questo benedetto Paese.

 

Alle prossime amministrative Vota Consapevolmente

Un Augurio elettorale per tutti i recanatesi

Vogliamo fare un augurio a tutti i cittadini recanatesi e per questo prendiamo in prestito le parole pronunciate dal nostro candidato Sindaco Stefano Gurini, durante l’ultimo confronto tra i candidati, organizzato dall’associazione Fonti San Lorenzo: “Vi faccio...

leggi tutto

Ricomprare il parcheggio? Veramente?

Dopo aver ascoltato la proposta dei due “Bravi” per rivedere la questione del parcheggio “Centro Città” e letto i punti programmatici di Antonio Bravi, rimaniamo esterrefatti di fronte ad un atteggiamento che definire ambiguo è poco. Cercate di fare attenzione su come...

leggi tutto