Seleziona una pagina

A che serve l’indignazione se poi non facciamo seguire l’azione?
La nostra idea di città è semplice: gestirla in maniera competente, usando in maniera oculata le risorse che voi fornite ogni giorno, pagando le tasse.

Il caso del Parcheggio Centro città

È difficile trovare le parole per definire un’amministrazione che inganna i propri concittadini, che mente sapendo di mentire, che fa dichiarazioni spudoratamente false per poi rinnegarle con una faccia di bronzo dopo appena 30 giorni. Non ci sono solo le promesse non mantenute, ma anche dichiarazioni volutamente ingannatorie, atte ad abbindolare i recanatesi e a gettare discredito nei confronti di chi invece cerca di far emergere la verità.

È una vergogna! Non può un sindaco dichiarare il giorno 6 agosto che “ Nel contratto con i gestori del Centro Città 2.0 non è previsto nessun intervento del comune in caso di incassi non in linea con le previsioni” , e poi il 10 settembre annunciare un “Riequilibrio economico che va mantenuto” e questo a significare che “….il gestore può chiedere all’amministrazione di intervenire a ripianare il deficit …”.

Sembra proprio che usino le falsità per coprire i loro giochetti: opere inutili oppure sovradimensionate , costruite senza un reale interesse pubblico, e poi avere la faccia tosta di negarlo fino alla fine, fino a quando i nodi vengono al pettine e allora devono chiedere a noi cittadini di pagare per convenzioni che loro , e solo loro , hanno voluto e sottoscritto.
Si prendono gioco delle persone delle quali dovrebbero fare gli interessi, cercano di difendere questo progetto fino a rendersi ridicoli senza curarsi della responsabilità sociale che un progetto simile rappresenta:
novantanove anni per pagare un parcheggio privato realizzato su quello che era suolo pubblico! Quale padre di famiglia opererebbe una scelta simile? Quale persona responsabile e corretta venderebbe il terreno di famiglia e farebbe poi pagare ai figli ai nipoti e ai pronipoti l’utilizzo di quello stesso terreno? Dove sta il perseguimento e la tutela dell’interesse pubblico? Dove sta lo correttezza e la lealtà di chi amministra il denaro altrui, il nostro denaro?
È sconvolgente sapere di poter essere nelle mani di mentitori seriali ed è disgustoso sentir proprio queste persone parlare di trasparenza , di democrazia e di partecipazione. Ci auguriamo che i cittadini prendano coscienza di quanto è avvenuto e di quanto tuttora sta avvenendo sotto ai loro occhi: continuare a far finta di niente o dire “è sempre stato così” non servirà a nessuno ; è giunta l’ora di alzare la testa e far comprendere ai nostri governanti che un popolo informato non si lascia prendere in giro in questo modo.

Un Augurio elettorale per tutti i recanatesi

Vogliamo fare un augurio a tutti i cittadini recanatesi e per questo prendiamo in prestito le parole pronunciate dal nostro candidato Sindaco Stefano Gurini, durante l’ultimo confronto tra i candidati, organizzato dall’associazione Fonti San Lorenzo: “Vi faccio...

leggi tutto

Ricomprare il parcheggio? Veramente?

Dopo aver ascoltato la proposta dei due “Bravi” per rivedere la questione del parcheggio “Centro Città” e letto i punti programmatici di Antonio Bravi, rimaniamo esterrefatti di fronte ad un atteggiamento che definire ambiguo è poco. Cercate di fare attenzione su come...

leggi tutto